Chiedi aiuto a una professionista:

899.54.55.55
>>> Tariffe a partire da 0,61 euro!* <<<

Sciame meteorico delle Perseidi

L'essere umano è stato sempre affascinato dall'immensa bellezza delle stelle.

Guardare con stupore un cielo stellato fa sentire l'uomo piccolo e insignificante, soprattutto se confrontato con l'interno universo. Può sembrare banale, ma moltissimi individui si sentono felici di fronte ad un cielo blu pieno di stelle.

Sostare per un paio d'ore in un punto con ampia visibilità, può rimettere in sesto lo spirito. Può riempire il cuore di gioia e fa capire il senso della vita di ognuno di noi.

Uno dei più grandi spettacoli è quello a cui assistiamo ogni anno, in estate. Lo sciame meteorico delle Perseidi è una pioggia di meteoriti che si verifica nel periodo compreso tra il 23 Luglio ed il 20 Agosto.

Sciame meteorico delle Perseidi
899.54.55.55

Il picco massimo avviene tra la notte del 12 e 13 Agosto. Soprattutto in Italia, lo sciame delle meteore viene collegato alle "lacrime di San Lorenzo", dal momento che i picchi erano vicini alla data del santo martire, il 10 Agosto.

Lo sciame meteorico delle Perseidi prende il nome dal termine greco (Περσείδες) Perseidi, che significa "Figlio di Perseo".

Il tutto è generato dalla cometa Swift-Tuttle, che ogni anno attraverso un percorso orbitale passa relativamente vicino alla Terra, formando una scia di detriti. È stata scoperta da due astronomi: Lewis Swift e Horace Parnell Tuttle nel 1862.

Il nome "sciame meteorico delle Perseidi" deriva dal radiante, ovvero il punto in cui sembrano avere origine.

Il fenomeno in realtà fu registrato per la prima volta dagli astronomi cinesi nel 36 d.C, ma ha trovato una concreta spiegazione grazie all'astronomo italiano Giovanni Virginio Schiaparelli.

Dopo questa breve introduzione sul fenomeno, scopriamo come guardare lo spettacolo al meglio.

La prima cosa che bisogna fare è trovare un luogo isolato, lontano da fonti di luce che possono abbassare il nostro livello di visuale. Quindi basta posizionarsi lontano dalle abitazioni, dalle strade, discoteche e via dicendo. È bene ricordare che le meteore possono arrivare da qualsiasi direzione, quindi si deve avere la "vista libera".

Mettersi comodi è essenziale: ci si può armare di una brandina o di un telo da posizionare sopra il prato. Il picco massimo è previsto per le prime ore del mattino, ma anche già dopo la mezzanotte si potrebbe vedere un piccolo accenno dello sciame meteorico delle Perseidi.

Tenere lo smartphone in tasca è quasi una priorità: se i nostri occhi dovessero adattarsi alla luce molto intensa, servirà molto tempo prima che acquistino una visione ottimale per il buio. Dopo essersi armati di santa pazienza si può godere un ottimo momento di relax in compagnia con lo sciame meteorico delle Perseidi.

Ultimo aggiornamento il alle